Più lo conosci e più ti incuriosisce. E ti lascia perplesso sull’impatto che avrà sul sistema politico e di riflesso sulla società italiana il movimento 5 stelle.

La mia impressione è che neanche loro sappiano chi sono e che cosa vogliono e che il voto a loro sia stato semplicemente un poderoso faffanculo alla società politica piuttosto che una cosciente scelta a favore di qualche cosa. E gli effetti diventeranno sempre più dirompenti mano a mano che la curiosità dell’opinione pubblica scaverà nel magmatico movimento e, di riflesso, Grillo comincerà a perdere il controllo ferreo che fino ad ora vi ha esercitato. Sono convinto che ne vederemo delle belle. E non saranno rose e fiori.
Trova conferma, e purtroppo aggrava il silenzio che è calato sul parito, l’analisi del voto fatta a caldo da Silvia Enrico: abbiamo perso, ma la situazione è  in movimento. In effetti mi rimane l’impressione che per un movimento serio e concreto gli spazi siano ampi. Ma nessuno mi pare all’altezza della situazione.

Per non farmi cogliere del tutto impreparato, vorrei radunare qui alcuni rinvii ad analisi e curiosità sul movimento

Comincio con Mario Seminerio e la strategia di decrescita felice che sembra essere uno dei punti qualificanti del movimento

Annunci