E così, a giudicare da quanto scrive oggi il Corriere, Mario Monti si sarebbe stufato e mediterebbe di scendere dalla politica.

In effetti ho visto ben poche persone fare tanti errori in così poco tempo e dilapidare un patrimonio di credibilità e di reputazione accumulato in anni di carriera. Probabilmente solo Bersani (forse ci tornerò) è riuscito a fare meglio.

E’ sceso in politica, perdendo l’alone di imparzialità che gli veniva dal suo profilo professionale; ha offerto una parvenza di zattera di salvataggio ad alcuni dei peggiori politicanti di mestiere del già squallido panorama politico nazionale, finendo per farsi trascinare nel loro naufragia.

E adesso non sa più che cosa fare. Forse una opportunità per Fare di raccogliere i cocci del centro in frantumi, comunque formato da persone serie, a cominciare da Italia FUtura e Ichino. Ma come, dato che ho la netta impressione che, buone regole congressuali a parte, il dibattito politico langua non poco?

L’impressione è che l’Italia, dopo l’agenda, abbia perso anche la bussola.

Annunci