Sarebbe l’unica cosa che dovrebbe fare il parlamento incartato uscito dalle ultime elezioni. Eppure nessuno ne parla più, tutti persi dietro all’incantatore di serpenti a alla sua fissazione sull’Imu.

E mentre tutti parlano di nulla, qualcuno lavora. Mi ha stupito che il meccanismo elettorale contenuto nel regolamento per il congresso di Fare messo a punto da Brusco e Stagnaro non abbia riscosso molta attenzione. Sul forum ho trovato solo un’abbozzo di discussione sulla legge elettorale che neppure sfiora il sistema elettorale adottato per il Congresso. Eppure è originale e tocca un nodo che dovrebbe essere scoperto per chi si occupa di politica oggi in Italia.

Il suo maggior pregio è la semplicità, e le cose semplici sono, molto spesso, le migliori, specie quando si tratta di problemi importanti. Semplicità vuol dire facilità di comprensione che, in democrazia, è molto, se non tutto.

Due sistemi di voto, uno per le cariche personali, il voto alternativo, ed uno per quelle multiple, (io preferirei chiamarle collegiali), il voto singolo trasferibile. In sostanza, in tutti e due i sistemi, l’elettore ha la facoltà di stilare una classifica fra i vari candidati, indicando quello che gode della sua fiducia primaria e, a scalare, quelle che considera le proprie seconde, terze e via seguitando,  scelte.

Mentre mi è chiaro il funzionamento del primo, che unisce i vantaggi del doppio turno, la possibilità di indicare anche le seconde scelte, a quelli del turno singolo con indicazione immediata del vincitore, per il momento non riesco a focalizzare bene gli efffetti del voto singolo trasferibile sulla formazione di una maggioranza nell’organo collegiale.

Come sempre la rete qualche indicazione la da. Sul voto singolo trasferibile qui Wikipedia e un articolo ripreso da Ichino nel 2011. Il voto alternativo è utilizzato in Australia e ha goduto di una certa attenzione teorica. Qui ancora una volta Wikipedia. Ma non a livello di classe politica. Il che fa pensare che funzioni bene.

Comunque, anche se io sono prevenuto, un altro punto a favore di quelli di Fare

Annunci