Due commenti alla stracommentata analisi di Grillo a giustificazione del suo flop alle elezioni comunali.

Lucido e ironico, come sempre, Mario Seminerio, non firmato, ma chiaramente fuori tema e ideologicamente teso a demonizzare ogni opinione contraria (mi sembra del tutto fuori luogo la Teatcher col simbolo del M5S) KeynesBlog che, pavlovianamente, reagisce ad ogni minimo attacco al settore pubblico, santo per definizione. Di buoni dati e bei grafici.

Di mio aggiungo solo che torvo ampiamente condivisibile l’analisi di Grillo e, soprattutto, che la colpa è degli italiani. Sono loro che, pervicacemente, votano e rivotano questa classe politica che li condanna al declino. E ritorno sul mio pallino: la crescita della astenzione è un segno di una presa di consapevolezza della inadeguatezza della offerta politica o di un qualunquisticoo disinteresse?

Annunci